Quali sono i sintomi della sindrome da sottovia sottoposto?

I sintomi della sindrome da sottovia sottovilla sono variati e includono una persistenza di svenimenti, intorpidimento del braccio e problemi di visione. La sindrome è causata da una anomalia nel flusso sanguigno attraverso una o entrambe le arterie subclavian. Dato che sono arterie importanti che si ramificano l’aorta del cuore, fornendo ossigeno e sostanze nutritive a entrambe le braccia e parti del petto e della testa, può manifestarsi in una di queste destinazioni corporee. Si consiglia la diagnosi e il trattamento, soprattutto se colpisce la funzione del cervello.

Il sangue ossigenato viene pompato dal cuore attraverso l’aorta. Tra i suoi primi grandi rami arteriosi sono le arterie subclaviane sinistro e destro, così chiamate perché si trovano appena sotto la clavicola, o ossa del collare. Per una serie di motivi, il loro flusso sanguigno può diventare vincolato. La stenosi, o il restringimento di un vaso sanguigno, nonché un’occlusione come un coagulo di sangue, impedirà il flusso. Uno dei rami dell’arteria subclaviana è l’arteria vertebrale che fende il collo verso gli organi del viso e il cervello. In particolare durante l’esercizio delle armi, c’è una corrispondente diminuzione del sangue consegnato all’arteria vertebrale e si dice che l’arteria subclaviana abbia “rubato” il sangue dal flusso normale dell’arteria vertebrale.

A volte abbreviata “SSS”, la sindrome di sottovia sottovilla è anche chiamata fenomeno di ruba subclavia o sottovoceva ruba steno-occlusiva La condizione può diventare una complicazione grave quando il sangue riportato richiede un flusso retrogrado o inverso nelle arterie vertebrali con concomitante calo in vascolare pressione. Ancora peggio, se l’emodinamica, o il flusso sanguigno, richiede l’alimentazione retrograda sia dalle arterie vertebrali che dalle arterie carotide del collo, il cervello può perdere la coscienza dalla caduta di pressione. Presyncope, la sensazione di vertigini che indica la possibilità che la svenimento è imminente, è un sintomo della sindrome di sottrazione sottoclavia.

Il sintomo più comune della sindrome da sottovia sottoposto è indebolimento del braccio, che può estendersi alle dita. Può anche sentire come se un braccio sia più rigido o pesante dell’altro. Meno comune è la disfunzione oculare. Le arterie vertebrali sinistro e destro si uniscono al cranio per formare l’arteria basilare che fornisce il sangue al sistema cerebrale. Ulteriori rami arteriose alimentano il cervelletto, la parte del cervello responsabile del coordinamento automatico muscolare in risposta alla gravità e allo spazio. La carenza di anima può causare la improvvisa scomparsa della vista e una perdita di equilibrio.

Una delle difficoltà della sindrome da sottovia sottovilla è che i suoi vari sintomi sono condivisi da altre cause vascolari, tra cui la possibilità di un ulteriore nervo della cavità o, raramente, l’arterite di Takayasu, una cicatrice dell’arte del cuore che prevalente colpisce le giovani donne asiatiche. Diagnosticamente, l’ultrasuono Doppler può registrare l’onda di pressione nelle arterie subclavian, ma può essere necessaria una mappa angiografica del vaso sanguigno sospetto con l’iniezione di una sostanza radioscopica. Il trattamento potrebbe richiedere l’espansione dell’arteria subclaviana con uno stent strutturale o un’angioplastica gonfiata a palloncino.