Che cosa sono vesciche ombelicali?

I vescicoli ombelicali sono vesciche che si verificano su o intorno all’ombelico, comunemente noto come pulsante dell’ombelico o del ventre. Nei neonati possono anche verificarsi nell’area del ceppo del cordone ombelicale. Blister al sito ombelicale può essere un segno di irritazione, infezione o malattia, a seconda dei sintomi e dell’età del malato. Sia i bambini che gli adulti possono soffrire di vesciche ombelicali per una serie di motivi.

Nei neonati, le bolle piene di sangue o pus possono essere un’indicazione dell’infezione nel ceppo ombelicale o nell’ombelico stesso. Generalmente, queste infezioni richiedono un’assistenza medica entro 24 ore, soprattutto se sono presenti altri problemi con il ceppo ombelicale – come separazione precoce o tardiva, sanguinamento eccessivo e perdita di pus -. La pulizia con l’alcool sfregante può aiutare a alleviare le bolle fino a quando il neonato può ricevere una cure mediche adeguate.

Nei bambini più grandi e negli adulti, queste vesciche possono essere un segno di diverse condizioni cutanee e possono essere parte di una reazione cutanea che copre un’area più vasta. Condizioni come eczema, reazioni allergiche a contatto e infezioni da lieviti possono causare blister sul pulsante della pancia, spesso accompagnati da eruzione cutanea. Qualcosa semplice come l’attrito contro il pulsante della pancia dal tessuto sfregamento può anche creare blister a liquido. Il trattamento per questi può variare a seconda della causa e deve essere verificato da un medico.

Le donne in gravidanza possono soffrire di vesciche al sito ombelicale se sono infettati da herpes gestazione, noto anche come pemfigoide gestazionale. Questa malattia rara, mentre non è in realtà una forma di herpes, provoca blister ombelicali e lesioni sulle braccia, gambe, palme delle mani e suole dei piedi. A volte le vesciche possono influenzare anche altre aree del corpo. La condizione si presenta tipicamente nel quarto e quinto mese di gravidanza o dopo la nascita e può essere trattata con corticosteroidi somministrati per via orale. La malattia può anche essere trasmessa al neonato. I neonati colpiti di solito recuperano alcune settimane dopo la nascita.

Piercings dell’ombelico possono anche causare vesciche ombelicali. La pelle traforata può gonfiarsi, sfiatare e formare blister riempiti di sangue, pus o fluido se il piercing irritano la pelle con attrito o se il sito piercing diventa infetto. La maggior parte delle guide sulla cura di piercing consiglia di lasciare il piercing fino a quando l’infezione è stata drenata e il trattamento del sito con perossido e antibiotici topici. Se la carne diventa necrotica o l’infezione persiste per più di un paio di giorni, potrebbe essere necessario rimuovere il piercing e consultare un medico per evitare effetti a lungo termine o addirittura fatali.